Il mio balcone di casa, che al mattino è immerso nell’ombra, mentre dal pomeriggio al tramonto è inondato dal sole, ospita un gran numero di piante, che crescono di mese in mese, regalando una dopo l’altra, fioriture straordinarie. Parzialmente riparate dai muri e protette dal freddo con un telo in tessuto non tessuto durante l’inverno, dalla primavera all’autunno, mostrano armoniosamente come abbellire un luogo che tanti, pur avendo, non sanno apprezzare e valorizzare, per mancanza di tempo o di passione. Per me, tutto è incominciato tanti anni fa, quando un balcone vuoto è diventato un luogo spensierato, dove ho imparato a coltivare diverse specie vegetali, in particolare arrampicanti, con l’intento di ottenere una graziosa “stanza verde”. E penso di esserci riuscita. Se anche voi avete un balcone, non importa che sia grande o piccolo, non lasciatelo vuoto: realizzate il vostro “angolo verde”! Di seguito, troverete, una sintesi descrittiva che fornisce qualche spunto a chi ha o vorrebbe avere il pollice verde, o semplicemente, informazioni per chi, pur amando le piante, non conosce i generi e le specie che vi presento.

Il mio mondo vegetale in sintesi

I lunghi rami della Bouganville, ricoperti di foglie verdi brillanti, celano al proprio interno piccole lanterne fucsia di consistenza simile alla carta velina, e si intrecciano curiosamente con quelli elastici del Plumbago, le cui ombrelline hanno un colore azzurro simile al cielo.

Fra loro, in basso, spuntano fili verdi delicati di Stella d’oro e qualche campanula gialla. A fianco del Plumbago, possiamo trovare, disposti in sequenza, alcuni Gerani zonali in fiore, bianchi e rossi. Accanto, poi, c’è un Geranio edera ricadente di colore viola. Nella parte sinistra del balcone sono presenti la Forsithia e il Gelsomino di San Giuseppe. A destra, invece, il Rincosperno corre lungo una spalliera appoggiata al muro, sfiorando con i suoi riccioli verdi e marroni i Gelsomini veri.

Sul muro opposto ci sono alcune fioriere che contengono, a seconda delle stagioni, Crassula, Erica e Violette.

Poco più in là, vicino alla persiana, un vaso ospita una giovanissima pianta di Pompelmo, nata da un seme.

Sopra un tavolino si scorgono infine due Camelie Japonica di colore rosso e rosa.

I colori non mancano: verde, bianco, rosso, viola, marrone, giallo, rosa. Questo è molto importante, perché indica che il balcone gode di buona salute! Dove c’é vita c’é verde e viceversa! Non è mai troppo tardi per iniziare: appassionati di verde si nasce, ma si può anche diventarlo!